Come perdersi un bel giro nell’isola del divertimento? Ovviamente non si può. Anche perché quest’isola non è solo quello, anzi. Mare cristallino, ottimo cibo, un meraviglioso centro storico, calette incontaminate. Chi mi conosce sa che mi piace il divertimento, mi piace andare a ballare, soprattutto se ci sono DJ che mi piacciono assai, ma non sono una che riesce a fare le 6 in discoteca. Soprattutto nel ritmo frenetico della vacanza, quando ti svegli la mattina ad un’ora decente per goderti un bel po’ di buon mare. Diciamo che sono più da aperitivo via, un buon cocktail dopo cena e massimo alle 3 a letto. Scherzi a parte (ho anche rifatto le 9 la mattina ma erano altri tempi), Ibiza è un’isola fantastica. Si può dire che trovi quello che cerchi, sai che se vuoi fare la vita della disco, devi alloggiare a Playa d’en Bossa, se vuoi farti il mare bello lontano dal casino, devi andare dall’altra parte dell’isola. L’isola si gira piuttosto bene, se vuoi spaziare al massimo consiglio il noleggio della macchina, un po’ scomoda per trovare parcheggio in centro, ma non impossibile! Noi abbiamo fatto così, e ci siamo trovate bene, nonostante siamo andate ad agosto, quando l’isola è piena davvero. Siamo state una settimana e abbiamo alloggiato in un appartamento a Playa d’en Bossa. Avevamo prenotato qualche mese prima tramite il sito ibizalowcost e l’appartamento si chiamava Ushuaïa Side, proprio accanto all’Ushuaia infatti. L’appartamento carino, in un complesso con la piscina. Gentile anche chi si occupava di noi. Abbiamo scelto questa location perché ci pesava molto meno spostarci per le spiagge piuttosto che per la sera o per la discoteca. A Playa d’en Bossa ci sono varie discoteche come l’Ushuaïa, l’Hï, il DC-10, lo SWAG, l’Octan e l’Hard Rock Hotel e una marea di beach club tra cui il Bora Bora, il Nassau, il Tanit, il Bali, il Santos Ibiza Coast Club. Inoltre vi è la possibilità di partecipare ai Boat Party, che dicono essere fantastici! Altre discoteche si trovano più nell’interno, come l’Amnesia e il Pacha, altre verso il centro come l’Heart.

Noi ovviamente non le abbiamo fatte tutte, abbiamo controllato dove fossero i nostri DJ preferiti e siamo andate. Per i biglietti di ingresso inizialmente non ci capivamo nulla. In spiaggia ci sono migliaia di PR che passano per venderti le prevendite, cercano di convincerti regalandoti qualche altro ingresso o un boat party e quant’altro. Solo dopo un po’ abbiamo capito che non ne valeva, è vero costavano meno rispetto ai tanti Ticket Office che ci sono in giro per Playa d’en Bossa, ma sulla spiaggia ti vendono in pratica la lista. Tu sei in lista e per entrare con quel biglietto devi farti la fila e entrare entro una tot ora. Non è quello che volevamo noi, noi volevamo essere libere di andare all’ora che volevamo, e magari saltare pure la fila. E così abbiamo fatto sempre, abbiamo comprato i biglietti (non meno di 50 euro a serata) nei Ticket Office.

Beh il primo giorno abbiamo avuto a disposizione solo la sera quindi ci siamo fatte un bel giro in centro, tra gli Yacht incredibilmente giganteschi, i negozietti e i numerosissimi bar. La mattina dopo ci siamo alzate di buon ora e siamo scese in cerca di una buona colazione. Abbiamo trovato un piccolo bar a pochi passi da casa, molto carino, si chiamava Passion Cafè. Dopo aver preso le giuste calorie ci siamo dirette verso Cala Bassa, una delle spiaggettine con acqua cristallina. Da Playa ci si mette circa 30 minuti in macchina ma ne vale la pena.

Cala Bassa

Siamo rimaste tutto il giorno, prese di mira dal PR che volevano a tutti i costi venderci le prevendite, ma d’altronde è il loro lavoro. Verso l’ora dell’aperitivo ci siamo spostate e… aiutatemi a dire quanto ho adorato questo posto, il Cafè del Mar. L’atmosfera, fantastica! Ci siamo godute un cocktail e buon bicchiere di vino e qualche (tanti) stuzzichini, su una vista mozzafiato. Avete mai sentito parlare del famoso applauso al sole che tramonta? Ecco. Succede proprio qua.

Cafè del Mar

Dopo questa meraviglia siamo tornate verso casa, ci siamo cambiate e siamo andate in centro, la nostra prima serata stava iniziando. Siamo andate all’Heart, dove suonava Bob Sinclair. Bella disco, soprattutto la parte esterna sulla terrazza con un sacco di cose particolare. La disco interna non è molto grande e con il pienone non si respirava, sarà per quello che non ho grossi ricordi della serata.

Il giorno dopo siamo andate alla spiaggia Ses Salines, la giornata era ventosa e il mare non era dei migliori ma è una bella spiaggia, molto lunga, frequentata anche da diversi personaggi noti, noi ne abbiamo incontrato qualcuno. Qua è possibile noleggiare un lettino e un ombrellone oppure stendere l’asciugamano nella parte di spiaggia libera. Siamo volute rimanere più vicine perchè avevamo acquistato il biglietto per la serata del Tomorrowland con Dimitri Vegas e Like Mike all’Ushuaïa. La mia serata preferita in assoluto!

All’Ushuaïa si suona dal pomeriggio fino a mezzanotte (l’ideale per me). Nel pomeriggio suonava Timmy Trumpet. Noi siamo andate verso le 20, la serata vera sarebbe iniziata verso le 21. L’atmosfera dell’Ushuaia è davvero qualcosa di incredibile. Luci da ogni parte, effetti speciali, aerei che ti passano sopra la testa e soprattutto, è all’aria aperta!!!

Ushuaïa – Timmy Trumpet, Dimitri Vegas & Like Mike

Davvero, uno spettacolo. Bene, dopo la fine della serata a Mezzanotte siamo andate a mangiarci qualcosa, abbiamo fatto un po’ di giri a caso nel mezzo al caos di Playa d’en Bossa e poi siamo andate a nanna.

Il giorno dopo il tempo non era bellissimo, perciò ci siamo svegliate, abbiamo fatto colazione a Playa d’en Bossa, in un altro localino molto carino chiamato Mumak e poi abbiamo approfittato per farci un bel giretto in centro, tra i meravigliosi negozi della parte vecchia, che regala angoletti preziosi, davvero belli.

Ibiza Città

Se avessi avuto una carta di credito illimitata avrei comprato ogni cosa. Ci sono dei negozietti che vendono cose particolari, introvabili e mai viste da altre parti. Non parliamo di scarpe e ciabattine varie… tutto stupendo.

Dopo il nostro giro in centro siamo andate a casa, ci siamo preparate e siamo andate a goderci il tramonto in un altro posto che io ho veramente adorato, sarei stata lì, nel silenzio, ad apprezzare ciò che avevo intorno, per ore e ore. Sto parlando di Es Vedrà.

Es Vedrà

Lo spettacolo vero! Per arrivarci non è proprio una passeggiata, probabilmente anche perchè noi abbiamo preso la strada sbagliata, non lo so ma non fa niente. Qua bisognerebbe portarsi un aperitivo fai da te, una cassa per mettere una musichina leggera in sottofondo, allora sembrerebbe davvero il paradiso (e già lo è).

Dopo ciò, siamo tornate in centro e siamo andate a cena. Ci avevano consigliato un posticino super carino chiamato La Brasa, dove abbiamo mangiato un’ottima Paella. Dopo cena ci siamo fatte un bel giro. Abbiamo deciso di non fare serata, perciò ci siamo dilungate un po’ tra uno yacht e l’altro e poi siamo tornate verso casa.

Il giorno dopo, dopo la colazione che non ricordo assolutamente dove abbiamo fatto, mi piacerebbe consigliarvi più posticini dove mangiare ma non li ricordo quasi mai, forse perchè in vacanza a volte saltiamo i pasti così a caso, non lo so. siamo andate verso un’altra bella caletta, Cala Salada, che con la sfiga nera abbiamo trovato invasa dalla meduse ma era veramente uno spettacolo.

Cala Salada

E dopo un meraviglioso bagno in questa caletta, reso ancora più intenso dalla paura di essere punta dalle migliaia di meduse, siamo tornate verso casa, ci siamo cambiate ed eravamo pronte per una nuova serata. Avevamo preso il ticket per la serata di Martin Garrix all’Ushuaïa.

Ushuaia – Martin Garrix

Anche questa serata, bellissima!

Il giorno dopo siamo andate a Cala Comte, un’altra bellissima caletta, l’acqua è uno spettacolo.

Cala Comte

C’è anche un posticino molto carino dove mangiare, con servizio ristorante, bar o self service, si chiama Sunset Ashram, che deve essere una chicca anche al tramonto.

Il tramonto noi ce lo siamo invece godute al locale Blue Marlin, luogo molto frequentato anche dai vip. È un bel localino dove il giorno è possibile noleggiare ombrellone e lettino e la sera, all’ora del tramonto si trasforma, con DJ che suona musica House e Techno.

Blue Marlin

Dopo esserci godute il tramonto siamo tornate verso il centro, abbiamo fatto un giro e poi siamo andate all’ultima serata che avevamo in programma, David Guetta all’Hï Ibiza. La discoteca è al chiuso e a causa della moltitudine di gente quasi non si respira. Sarebbe stata un’ottima serata, da amante di Guetta, se non fosse stato davvero per questo appiccicume e per il fatto che alle 5.30 io morivo di sonno.

Hï Ibiza – David Guetta

Il giorno dopo ci siamo dirette in centro, al porto, e abbiamo preso un traghetto per Formentera. Sbarcate a Formentera abbiamo preso il bus e siamo andate a Playa Es Pujol. Ma prima ci siamo fermate a fare colazione alla Kasa dei Kolori, molto molto carino e si mangia davvero bene.

Es Pujol

Era davvero una spiaggetta tranquilla, lontana dal caos. Infatti spesso tutti si fermano a Illetes che è sicuramente un paradiso, ma se si ricerca un pochino di quiete, ad agosto non è proprio l’ideale, merita comunque di sopportare un po’ e fermarsi.

Al tramonto siamo andate a farci un aperitivo al famoso camioncino, ovvero da Chez Gerdi, molto frequentato dai vip. È carino ma niente di eccezionale, però merita anche solo per la classica foto.

Chez Gerdi

E fu così che finimmo la nostra vacanza. Il giorno dopo siamo ripartite, con la certezza che un giorno torneremo!

Hasta luego Eivissa!

author-sign

Altri articoli:

Rispondi

error: Il contenuto è protetto dal copywrite!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: