Verona è una città che io amo, in cui probabilmente vivrei volentieri, anche se amo la campagna. Sono stata a Verona diverse volte per passare il weekend. Tra queste volte mi ricordo di una in cui ho trovato davvero un bel posticino dove alloggiare, proprio davanti all’arena, con un terrazzino fantastico.

Vi rimando alla pagina booking dell’appartamento, a mio avviso speciale.

Verona è una città piena di angoli romantici, piena di tradizione e cultura. Ovviamente l’attrazione principale è l’Anfiteatro Romano, ovvero l’Arena. Ha tutto un suo fascino ed è visitabile internamente per una decina di euro. La cosa più bella, a mio avviso, è visitarlo in occasione dei concerti. L’acustica è sensazionale, io ho partecipato ad un concerto di Ligabue e uno di Elisa, con orchestra, davvero emozionante. l’Arena si trova in Piazza Brà, una piazza molto famosa e ricca di locali e bar sotto i portici dove poter fare una buona colazione o un buon aperitivo.

Altro angolino romantico è ovviamente la Casa di Romeo e Giulietta, con il famoso balcone tanto cantano e decantato. La facciata di mattoni è senz’altro stupenda, con un portale gotico che porta dentro a questo cortile dove vi è la statua di Giulietta in bronzo e il celeberrimo balcone. È una tappa obbligatoria anche se ormai divenuta molto turistica.

Ma senz’altro il mio angolo preferito è Piazza delle Erbe, la trovo veramente adorabile, piena di vita, di cultura. Converge in sè un sacco di stili diversi. Sulla piazza si affacciano il Palazzo del Comune, la Torre dei Lamberti, le Case dei Mazzanti, la Casa dei Giudici, ex residenza del podestà e sede dei consigli della città, il Palazzo Maffei, in stile barocco, decorato con statue delle divinità grechedi Giove, Minerva, Venere e Apollo e infine la Casa dei Mercanti.

Una volta questa piazza era la sede del foro romano e pian piano ha visto edifici medioevali prendere il posto di quelli costruiti nella Roma antica. Per questo questa piazza è unica, apprezzata tantissimo a livello mondiale.

La storia di questa piazza è legata anche al mercato, passeggiando tra le bancarelle si scorgono i monumenti che fanno parte della storia di questo luogo. Vi è la colonna del mercato, costruita nel 1400, sulla cui sommità vi è un’edicola in arte gotica con sculture religiose. Poi vi è la berlina, un baldacchino in marmo con le unità di misura commerciali tipiche della città sui suoi gradini, e la colonna di San Marco, in marmo bianco, risalente al 1500.

Il simbolo più antico è la fontana di Madonna Verona, al centro della piazza, da cui sgorga l’acqua del fiume Lorì di Avesa. Questa fontana risale al 1300 e sulla sua grande vasca di marmo rosso si innalza una statua a cui vennero aggiunte le braccia e la testa mancanti. Sul piedistallo ci sono le effigi dei 4 regnanti, da Vero a Alboino, re dei longobardi. Nel cartiglio in rame retto dalle mani della statua compare invece una scritta latina, antico motto della città: “È città che dispensa giustizia e ama la lode”.

In una parte della piazza vi è anche la Piazzetta XIV Novembre, in cui vi è un monumento in bronzo che raffigura la giustizia, opera di Egidio Girelli. Esso ricorda un avvenimento del 1915, quando tre aerei austriaci bombardarono questa zona, affollata per il mercato cittadino. Persero la vita 29 persone, mentre altre 48 rimasero ferite. La bomba cadde esattamente qua.

Poco più avanti di Piazza delle Erbe vi è un’altra piazza molto bella, Piazza dei Signori, in cui al centro vi è la grande statua di Dante che a Verona trovò rifugio subito dopo l’esilio da Firenze. Quasi in una piazzetta a parte si trova la Chiesa di Santa Maria Antica nel cui cortile si innalzano le Arche Scaligere. Il suggestivo complesso funerario è uno straordinario esempio dell’architettura gotica in Italia. Le Arche furono edificate per ospitare le spoglie di alcuni rappresentanti della famiglia dei della Scala.

Da visitare anche la Chiesa di San Zeno, sorta proprio sul luogo di sepoltura del vescovo Zeno. Un capolavoro romantico divenuto uno degli edifici più importanti della città. Ma anche la Chiesa di San Pietro da Verona in Sant’Anastasia, e il Duomo di Verona.

Belli e interessanti sono anche i ponti sul fiume Adige, il più vecchio di tutti è il Ponte di Pietra. Attraversandolo si può arrivare al Piazzale San Pietro da cui si ha una vita sulla città meravigliosa.

Bellissimo anche il Ponte di Castelvecchio, ponte medievale che porta all’antica Fortezza.

Verona è una città calda, accogliente, merita la visita assolutamente. Due giorni possono bastare per visitarla e godere delle sue bellezze.

Al prossimo viaggio!

author-sign

Altri articoli:

Rispondi

error: Il contenuto è protetto dal copywrite!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: